ViaMichelin Mappe & Percorsi

print pdf

LA STRADA DELLE DOLOMITI

Dal 2009, le Dolomiti fanno parte del Patrimonio mondiale dell’umanità: 18 cime alte più di 3.000 m sono state incluse nella lista dell’UNESCO per la loro singolare bellezza. Si tratta indubbiamente di uno dei più bei paesaggi montuosi del pianeta e di una delle strade panoramiche più spettacolari delle Alpi.

iframe

In età rinascimentale, la strada delle Dolomiti era già la rotta commerciale per eccellenza tra Venezia e Monaco. Oggi, il percorso è un tracciato eccezionale, con caratteristiche tecniche che ne fanno il campo da gioco preferito di tutti i motociclisti d’Europa e degli appassionati di guida, certi di trovare fra queste valli una serie di emozioni e sensazioni d’eccezione!

giulia

Una strada difficile, che richiederà tutta la vostra concentrazione, ma sulla quale potrete sperimentare la straordinaria ergonomia della nuova Alfa Romeo Giulia. Il cruscotto è dotato di tutte le più recenti tecnologie in termini di sicurezza e connettività, con comandi sempre accessibili e intuitivi, che permetteranno al conducente di concentrare la propria attenzione, con prudenza, sulla strada.

Scopri di più riguardo Alfa Romeo Giulia >

Bolzano/Bozen

Situata in fondo ad una conca dai pendii coperti di vigneti e frutteti, Bolzano conserva tracce visibili del suo lungo passato austriaco. Italiana solo dal 1919, la capitale dell’Alto Adige, nota per la mitezza del suo clima, ha conservato uno spiccato carattere teutonico, percepibile non solo nella lingua, ma anche nel cibo e nell’architettura. Il centro cittadino si estende da piazza Walther a via dei Portici (Laubengasse), costeggiata da belle case. Questa città fiorente e vivace offre una piacevole occasione per una sosta, prima di partire alla scoperta delle montagne.
Il Duomo in arenaria rosa, dal tetto in tegole policrome verniciate, è il risultato di fasi di costruzione successive, con tracce di era paleocristiana (V-VI sec.), carolingia (VIII-IX sec.), romanica (fine XII sec.) e gotica (XIII sec.). Nel campanile (1501-1519), alto 62 m, si aprono finestre in stile tardo-gotico. Sul fianco nord, la “porticina del vino”, dalla delicata decorazione in foglie di vite, è una testimonianza del privilegio della vendita del vino di cui beneficiava la chiesa. All’interno, resti di affreschi dei secoli XIV e XV e una pregevole cattedra scolpita in arenaria, in stile tardo-gotico (1514).

Uscite da Bolzano in direzione est, dalla S 241.

Gola della Val d’Ega/Eggental

La strada si inoltra nella Gola della Val d’Ega (Eggental), stretto canalone di arenaria rosa difeso dal castello di Cornedo. Dopo 20 km, si attraversa Nova Levante/Welschnofen; dominato dal Catinaccio, questo borgo riconoscibile dal caratteristico campanile a bulbo si estende al di sopra di un torrente.

Proseguite sulla S 241 per 6 km.

Lago di Carezza/ Karersee

Lungo la strada, a destra. Parcheggio a pagamento.
Questo laghetto dalle acque trasparenti, con splendidi riflessi turchesi, è incastonato in una scura distesa di conifere ed è dominato sullo sfondo dai massicci del Latemar e del Catinaccio. Un incantevole scenario naturale, che era una delle destinazioni preferite dell’imperatrice Sissi durante le sue escursioni in Alto Adige.

Proseguite sulla S 241 per 3 km.

Passo di Costalunga/Karerpass

Chiamato anche passo di Carezza (1.752 m d’altezza), offre una splendida vista sul Catinaccio da un lato e sul Latemar, dall’altro.

Val di Fassa

Superato il passo, si entra in Val di Fassa per arrivare, dopo 8,5 km, a Vigo di Fassa. La località, situata in splendida posizione, è un centro alpinistico e una base di escursioni nel massiccio del Catinaccio (funivia).

Canazei

12 km a nord-est di Vigo di Fassa, seguendo la S 48. Situata nel cuore del massiccio, tra il Catinaccio, le torri di Vaiolet, il massiccio di Sella e la Marmolada, Canazei è il punto di partenza per escursioni e impegnative scalate fra i monti della Marmolada. Il paese possiede due chiese, di cui una con tetto a tegole colorate e l’altra con tetto in assito e campanile a bulbo, sulla cui facciata è dipinto un San Cristoforo.

Proseguite sulla S 48, dir. Cortina d’Ampezzo (a 60 km).

I passi della S 48

# Passo Pordoi

A 13 km a nord-est di Canazei, seguendo la S 48.
La strada che si inerpica verso il Passo Pordoi è sinuosa e scoscesa: con i suoi 2.239 m di altezza, il Pordoi è infatti il passo più alto della strada delle Dolomiti. Se siete alla guida di una Giulia con cambio automatico a otto rapporti, è davvero il momento di posizionare il selettore in modalità “Dynamic”. Inoltre, la presenza su tutti i motori della gamma di un turbocompressore attivo anche ai bassi regimi, per rafforzare la coppia, vi garantirà una guida sempre fluida, anche in caso di improvvisi rallentamenti. L’arrivo al passo è impressionante: il sito forma infatti uno scenario impressionante e desertico, dominato da enormi blocchi di roccia con scarpate vertiginose. Il passo è uno dei passaggi obbligati del Giro d’Italia.

Scoprite tutti i ristoranti del percorso >

Superato il passo, la strada che scende verso Arabba è il percorso ideale per gli appassionati di guida, con molte curve a gomito. Preparatevi a vivere intense emozioni al volante della vostra Giulia, particolarmente dinamica su strada sinuosa, grazie ad una trazione posteriore molto equilibrata e affidabile, ma anche molto agile. La Giulia tiene magnificamente la strada in curva, con un avantreno preciso, nonché uno sterzo leggero e soprattutto molto diretto, che procura un autentico piacere di guida.

In seguito, attraversate il passo di Falzarego (2.117 m di altezza), molto frequentato dai turisti per il museo dedicato alla Prima Guerra mondiale e gli storici campi di battaglia.
Avvicinandosi a Cortina d’Ampezzo, la strada diventa sempre più bella, passando per le Tofane e accanto al paesaggio arido del massiccio delle Cinque Torri, cui si sarebbe ispirato lo scrittore britannico Tolkien per Il Signore degli Anelli.

Cortina d’Ampezzo

A 17 km ad est del Passo di Falzarego, seguendo la S 48.
Situato in splendida posizione nel cuore del massiccio, a 1.210 m di altezza, il capoluogo delle Dolomiti è un’elegante località di vacanza raccolta nella comba di Ampezzo, frequentatissima sia in inverno che in estate, e particolarmente ben attrezzata. Per uno shopping di articoli delle più prestigiose firme della moda, recatevi in corso Italia, su cui si affacciano le vetrine dei più grandi brand del lusso.
Alcune escursioni in partenza da Cortina permettono di ammirare al meglio il maestoso scenario montuoso circostante. Varie funivie, alcune delle quali accessibili a piedi dal centro città, permettono di raggiungere le vette dei dintorni: Tondi di Faloria, Tofana di Forcella Staunies a 2.935 m e Tofana di Mezzo a 3.243 m.

Ancora qualche ora di emozionante guida in alta montagna? Seguite questi due percorsi, che vi daranno sensazioni indimenticabili: verso il massiccio della Marmolada e la Val Gardena.

Tornate a Canazei e imboccate a sinistra la strada S 641.

Verso il massiccio della Marmolada

Se amate i panorami d’eccezione, la strada S 641 vi offrirà splendidi scorci sulla Marmolada e il suo ghiacciaio. All’uscita di una lunga galleria, appare il lago di Fedaia dominato dal massiccio della Marmolada. Poco dopo, da Malga Ciapela, una funivia consente di raggiungere, a quota 3.265 m, un belvedere da cui si gode uno dei più bei panorami sulle montagne di Cortina (Tofane, Cristallo), sui pan di zucchero del Sasso Lungo, sull’immenso massiccio tabulare del Sella e, sull’estremo sfondo, sulle cime delle Alpi austriache fino al Grossglockner.

Tornate su Canazei (25 km) e continuate a sinistra sulla S 48. Lasciate a destra la strada per il Passo Pordoi e continuare ad andare dritto.

Verso Ortisei attraverso la Val Gardena/Grödnertal

Anche su questo tratto, la strada resta sinuosa, con curve impegnative che esalteranno il piacere della guida. Dopo 11 km, si giunge al Passo di Sella (alt. 2 244 m), che mette in comunicazione la Val di Fassa e la Val Gardena ed offre uno splendido panorama, fra i più estesi e caratteristici delle Dolomiti: la vista abbraccia il massiccio del Sella, il Sasso Lungo e la Marmolada.

Proseguite sulla S 242.

# Ortisei

Regno degli appassionati di mountain bike, la Val Gardena è una delle mete preferite dei turisti e dei motociclisti. Nella valle si parla ancora una lingua nata in età romana, il reto-romanzo o ladino, utilizzato in alcune valli delle Dolomiti, nel Cantone dei Grigioni o nelle Alpi carniche. Gli artigiani della valle praticano soprattutto la scultura su legno, come testimoniato dai molti, graziosi negozi presenti nei paesini più celebri: Selva, Santa Cristina e Ortisei.

Selva di Val Gardena/Wolkenstein in Gröden

In questa località di vacanza, ai piedi del massiccio del Sella, l’artigianato resta molto attivo, con oggetti in legno, in stagno e in porcellana. Al di sopra di Santa Cristina, Castel Gardena, residenza estiva del conte di Wolkenstein (XVII sec.), domina la vallata.

Ortisei/Sankt Ulrich

Questo borgo molto turistico è il punto di partenza ideale per un gran numero di escursioni, qualunque siano i vostri motivi di interesse o il vostro livello di preparazione.

Da Ortisei, potete raggiungere Bolzano (36 km) dalla S 242 fino a Ponte Gardena, poi a sinistra la S 12 o l’autostrada.

print pdf

Le Dolomiti

Inclusa nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 2009, la catena montuosa delle Dolomiti conta 18 cime di più di 3.000 metri. L’area costituisce uno dei più bei paesaggi montani del mondo, caratterizzato da pareti verticali, da vette spettacolari scolpite dal tempo e dalle intemperie, da falesie scoscese e da un gran numero di valli strette e profonde.

#
# #

Ristoranti stellati della guida Michelin sul vostro percorso

Esplora le Strade Stellate

Langhe

Lago di Como

Lago di Garda

Dolomiti

Chianti

Castelli Romani

Costiera Amalfitana

Bari