ViaMichelin Mappe & Percorsi

print pdf

LUNGO LA COSTIERA AMALFITANA

Coste scoscese che si specchiano nelle acque cristalline, ville paradisiache immerse nella rigogliosa vegetazione, paesini arroccati sulle alture e borghi di pescatori raccolti in fondo a piccole baie. Nel cuore di uno scenario verdeggiante in cui spiccano cipressi, agrumi, viti, mandorli e bouganville, la costa amalfitana espone le sue bellezze lungo il Mediterraneo, mentre i suoi ammiratori sfilano lungo l’unica e tortuosa litoranea, scoprendo dietro ogni curva una nuova meraviglia.

iframe

Difficile essere smentiti: siamo su una delle strade più belle del mondo, sia per il panorama unico che per l’autentico piacere di guida che viene esaltato da curve perfette al di sopra della distesa turchese del Tirreno con tornanti mozzafiato.

La Costiera, gioiello del Patrimonio mondiale dell’Unesco, fa sognare i turisti, che accorrono a migliaia ad ammirarla.

Percorso da 80 km sulla SS163, che segue la costa.

giulia

Un’esperienza da vivere al volante di un’Alfa Romeo Giulia, che garantisce performance straordinariamente dinamiche grazie al suo telaio creato per la trazione posteriore e al suo eccezionale rapporto peso/potenza che anche sui percorsi tortuosi fa provare al guidatore un’esperienza mozzafiato.

Scopri di più riguardo Alfa Romeo Giulia >

Positano

Antico borgo di marinai, con le sue casette cubiche e bianche dall’aspetto vagamente moresco e i rigogliosi giardini che discendono a terrazze verso il mare, Positano è “l’unico luogo al mondo progettato su un asse verticale” (Paul Klee). Un tempo luogo di predilezione di artisti e intellettuali (Picasso, Cocteau, Steinbeck, Moravia e Nureyev, che acquistò l’isolotto di Li Galli), così come degli esponenti della dolce vita, che si ritrovavano alla Buca di Bacco, il paesino è oggi uno dei centri più frequentati della Costiera amalfitana.
Dopo aver vagato nelle ripide viuzze, scendete verso piazza Flavio Gioia, su cui sorge la piccola chiesa di Santa Maria Assunta, eretta nel XIII sec. e rimaneggiata in età barocca.

Praiano

# Veduta di Monte Sant’Angelo, Praiano

Borgo dall’aspetto moresco, con le sue casette disperse sulle pendici del monte Sant’Angelo, Praiano cela la deliziosa Marina di Praia, bella spiaggia dissimulata fra le case e le barche dei pescatori.
Scendete fino a Vettica Maggiore, grazioso paesino turistico, dalla cui spianata si abbraccia un bel panorama sulla costa e sul mare.

Scoprite tutti i ristoranti del percorso >

Vallone di Furore

Visibile fra una galleria e l’altra, il vallone di Furore è la più impressionante insenatura della costa. Un borgo di pescatori si è formato nel punto in cui sfocia il letto di un torrente. Le casette abbarbicate ai pendii e le barche dai colori vivaci tirate in secco contrastano piacevolmente con il paesaggio selvaggio.

Per scoprire i vari aspetti del sito, percorrete il sentiero che segue una delle pareti del vallone. In questo modo, accanto ad opere più tradizionali, potrete ammirare i “muri d’autore”, dipinti murali dedicati alla storia locale.

Grotta dello Smeraldo

Accesso in ascensore dalla strada (km 26,4 della SS 163 Amalfitana).
L’acqua di questa grotta marina, di eccezionale trasparenza, è illuminata dalla luce che si riflette sulle rocce sommerse, acquistando un’inconfondibile color smeraldo. Il fondo della grotta, che appare vicinissimo nonostante i 10 m di profondità, non è sempre stato ricoperto dal mare, come testimoniano le stalagmiti che sorgono inaspettatamente dall’acqua.
Durante la visita, un barcaiolo vi farà costeggiare le pareti della grotta e vi parlerà delle leggende e delle figure simboliche associate alle stalagmiti.

Amalfi

Amalfi è una cittadina tipicamente mediterranea, le cui alte case bianche, abbarbicate sui pendii di un vallone che si affaccia su un mare azzurro intenso, costituiscono un sito meraviglioso e dal clima particolarmente mite, ideale per le vacanze.

Centro storico – Con piazza del Duomo, via Genova, via Capuano e via dei Mercanti costituiscono il centro storico e commerciale della città. Un suggestivo complesso architettonico con facciate dagli stili più diversi, graziosi balconi e nicchie fiorite. Vicoli, piccole scalinate e passaggi a volta che sboccano su piazzette ornate da fontane sono le caratteristiche tipiche della pianta urbana, ispirata al modello arabo.

Duomo di Sant’Andrea – Fondato nel IX sec., ampliato nel X e XIII sec., più volte rimaneggiato, il duomo è una testimonianza del gusto delle città marinare italiane per lo splendore orientale. La facciata, rifatta nel XIX sec. sul modello originale, sorge in cima ad un’imponente scalinata e colpisce il visitatore per la decorazione in pietre policrome dai complessi motivi geometrici.

Atrani

# Atrani

Situato allo sbocco dalla valle del Dragone, Atrani è un piacevole paesino di pescatori che, con i suoi vicoli angusti, la sua piazzetta e la sua spiaggia di sabbia grigia, è la destinazione ideale per chi vuole evitare la folla. Due antiche chiese si dividono la devozione dei fedeli: Santa Maria Maddalena e San Salvatore de Bireto, piccolo gioiello medievale fondato nel X sec., in cui venivano incoronati i duchi di Amalfi.

La litoranea sorvola Atrani grazie ad un ponte sorretto da arcate: si entra in paese passando sotto una delle arcate, a pochi passi dal mare. Al di sopra, il ponte forma una piacevole terrazza, con vista sul mare e i tetti di Atrani.

Una strada spettacolare sale serpeggiando fra le viti e gli olivi lungo la collina del Dragone, e conduce fino a Ravello. Il percorso ideale per la vostra Alfa Romeo Giulia, particolarmente dinamica sulle strade sinuose, grazie alla trazione posteriore molto equilibrata. La Giulia tiene bene in curva, l’avantreno è incisivo e lo sterzo leggero e soprattutto molto diretto offre un autentico piacere di guida.

Ravello

Ravello, sospesa fra cielo e mare, estende su una collina le sue stradine, le scalinate e i passaggi a volta che compongono uno scenario indimenticabile.

Villa Rufolo – Costruita nel XIII sec. dai Rufolo, ricca famiglia di Ravello citata da Boccaccio nel Decamerone, la villa vi accoglie con un bel viale alberato; dopo la torre in stile gotico, si arriva nel “cortile moresco” dagli archi in stile siculo-normanno, sormontati da intrecci fogliati: il cortile è in realtà un antico chiostro, risalente all’XI sec. Una potente torre, anch’essa risalente all’XI sec., domina i rigogliosi giardini e l’architettura riccamente decorata dell’elegante complesso. Dalle terrazze, splendido panorama sulle cime frastagliate fino al capo d’Orso, sulla baia di Maiori e sul golfo di Salerno.

Duomo – Fondato nel 1086 e trasformato nel XVIII sec., il Duomo ha conservato un campanile del XIII sec. e una magnifica porta in bronzo firmata da Barisano da Trani (1179), con figure in rilievo. La navata centrale, le cui colonne antiche sono state riportate alla luce, conserva uno splendido pulpito coperto di mosaici con motivi decorativi ed animali fantastici (1272). A sinistra del duomo, la Cameo Factory accoglie un minuscolo Museo del corallo, che espone pezzi di grande valore artistico.

San Giovanni del Toro – La strada omonima, lungo la quale si apre a destra un favoloso belvedere, conduce a questa bella chiesa dell’XI sec. All’interno, le arcate riposano su colonne antiche.

Villa Cimbrone – Una deliziosa stradina conduce dalla piazza del Vescovado alla villa, passando sotto il portico gotico del convento di San Francesco. Eretta all’inizio del XIX sec. da Lord William Bechett, Villa Cimbrone rappresenta, con il suo stile eclettico, un omaggio alla storia di Ravello. Il grande viale che attraversa gli splendidi giardini conduce al belvedere, le cui terrazze sono costellate di busti in marmo: il panorama sulle colline coperte di colture a terrazza, su Maiori, su capo d’Orso e sul golfo di Salerno è vertiginoso.

Continuate sulla SS163: fate una sosta a Capo d’Orso, che offre una vista interessante sulla baia di Maiori.

Vietri sul Mare

# Vietri sul mare

Situata all’estremità della costiera amalfitana, su cui offre magnifiche vedute, Vietri è celebre per il suo tradizionale artigianato della ceramica.

Abbazia della Santissima Trinità – Situata a 5 km a nord di Vietri sul Mare, lungo la SP75, questa abbazia benedettina fondata nell’XI sec. fu durante il Medioevo uno dei più potenti monasteri dell’Italia meridionale. La chiesa, ricostruita nel XVIII sec. secondo il modello originale, conserva un pregevole pulpito e un candelabro pasquale. La visita si estende anche alle sale del monastero, al bel chiostro del XIII sec., al cimitero longobardo e a una sezione museale.

Salerno

Distesa lungo la curva armoniosa del suo golfo, Salerno conserva un quartiere medievale, costruito sulle pendici di una collina sormontata da un castello.
Dal lungomare Trieste, bella passeggiata costellata di palme e tamarindi, si gode un’ampia vista sul golfo.

Duomo – Costruito per volere di Roberto il Guiscardo e consacrato da papa Gregorio VII nel 1085, il duomo custodisce le spoglie di San Matteo. L’edificio, in stile normanno, è stato notevolmente danneggiato dal terremoto del 1980. I battenti in bronzo (provenienti da Costantinopoli) del portale centrale, l'atrio quadrato in pietra policroma e i due amboni riccamente decorati che formano, con il candeliere pasquale e l’iconostasi, un complesso eccezionale, sono assolutamente da non perdere!

Via dei Mercanti – Suggestiva strada del centro storico di Salerno con negozi, case antiche e oratori che termina con l’arco di Arechi, eretto nell’VIII sec. dai Longobardi.

print pdf

La costiera amalfitana

La fascia litoranea di Amalfi costituisce un eccezionale esempio di paesaggio mediterraneo, dalla straordinaria bellezza naturale. Gli abitanti della Costiera hanno saputo adattarsi alla topografia accidentata dei luoghi, coltivando vigneti e frutteti a terrazze. Amalfi e Ravello, per citare solo questi due centri, accolgono opere architettoniche e artistiche di particolare rilievo.
La costiera amalfitana è inclusa nel Patrimonio mondiale dell’UNESCO dal 1997.

#
# #

Ristoranti stellati della guida Michelin sul vostro percorso

Esplora le Strade Stellate

Langhe

Lago di Como

Lago di Garda

Dolomiti

Chianti

Castelli Romani

Costiera Amalfitana

Bari